Trondheim in Norvegia
Alla scoperta della Norvegia. Qui sopra Trondheim

Una vacanza in Norvegia è sempre all’insegna della natura: i laghi glaciali, i magici fiordi, le scogliere ripidissime, tutto contribuisce a rendere la Norvegia un posto magico da visitare.

In questo articolo vogliamo proporvi sette itinerari che possono venire incontro ai gusti e alle esigenze di un po’ tutti i viaggiatori.

La prima volta in Norvegia

Un tempo Capo Nord era il mito dei giovani che partivano con il sacco a pelo e lo zaino in spalla: persone che percorrevano migliaia di chilometri in auto, talvolta in Lambratta, per arrivarci e che, una volta raggiunta la meta si rendevano conto che in fondo non c’era granché da vedere.

Capo Nord in Norvegia
Capo Nord in Norvegia

Oggi una tappa a Capo Nord è un classico quasi sempre presente nei tour della Norvegia, nonché una delle mete più battuta della Scandinavia.

Gran parte del merito va alla bellezza dei suoi paesaggi, ai suoi fiordi, e a città affascinanti come Gergen e Olso, la città fondata dai Vichinghi.

In questa tappa proverete l’emozione di varcare il Circolo Polare Artico, godervi il sole di Mezzanotte, in estate, o lo spettacolo mirabile dell’aurora boreale, in inverno.

Gli angoli da scoprire

I fiordi, le caratteristiche insenature norvegesi, sono il biglietto da visita di questo splendido paese.

Tra le pieghe di questo suggestivo scenario, come nelle regioni più orientali e settentrionali, si celano varie curiosità.

Una di queste è di carattere etnico e ruota intorno alla poplazione dei Sami, che vivono al nord della Scandinavia, tra la Norvegia (intorno a Karasjok e Kautokeino), la Svezia e la Finlandia.

Un’altra realtà norvegese da essere tutelata dall’Unesco sono le stavkirke, le caratteristiche chiese di legno che sembrano costruite con il gioco dello shanghai.

stavkirke chiesa di legno
Una stavkirke, la caratteristica chiesa di legno norvegese

Inoltre scoprirete che la Norvegia possiede una città liberty come Alesund e un villaggio di minatori, Roros, che ricorda abbastanza le cittadine-museo del nord America.

E non è finita qui: potrete ammirare una cascata che si getta nel mare lungo una tortuosa strada costiera, graffiti rupestri a nord del Circolo Polare Artico e il gelido mondo delle isole Svalbard.

In viaggio con i ragazzi

Per chi ha figli la Norvegia si presenta come terra di avventure adatte anche a loro.

È possibile salire su imbarcazioni d’epoca come vecchie golette dell’Ottocento, ad esempio.

Ma la Norvegia è soprattutto terra dei vichinghi e a Oslo i ragazzi potranno visitare il museo delle navi di questo leggendario popolo, oltre al Kon-Tiki, la zattera usata dall’esploratore e scrittore norvegese Thor Heyerdahl.

Oslofjord
Oslofjord

A Holmenkollen, non distante dalla capitale, ci si può invece arrampicare sul vertiginoso trampolino per il salto con gli sci e lanciarsi nel vuoto grazie ad un simulatore.

La Norvegia è un paese dove anche i bambini si fanno artisti; arrivando a Capo Nord è possibile visitare il Barn av Jorden (ovvero i Ragazzi della Terra), un monumento composto da sette sculture circolari realizzate dai bambini.

Anche ad Olso esiste un originale museo che raccoglie opere d’arte di artisti in erba di tutto il mondo, il Barnekunstmuseet, che ha poco da invidiare ai maestri della Pop Art.

La strada dei ghiacci

Nel sud della Norvegia si intrecciano fiordi, catene montuose e valli a creare un cuore di ghiaccio.

ghiacciaio norvegese
ghiacciaio norvegese

Il più grande ghiacciaio dell’Europa continentale, lo Jostedalsbreen, ha una superficie di circa 477 chilometri quadrati compresi tra Nordfjord, Sognefjord, e l’altopiano Jotunheimen.

Questo ghiacciaio è un residuo della calotta di ghiaccio che dopo il ritiro avvenuto migliaia di anni fa ha scolpito le profonde insenature della costa occidentale.

L’accesso allo Jostedalsbreen e ai circostanti ghiacciai minori avviene attraverso strade scavate tra rocce e laghi glaciali.

Buone capacità di guida e attenzione, se siete voi al comando, sono indispensabili; le strade sono costellate di una quantità di passi e tornanti che fanno sembrare lontanissime località che, sulla carta, appaiono invece molto vicine.

Paesaggi di rara bellezza solo il premio per aver dovuto affrontare tali difficoltà. Spesso si incontrano piramidi di pietre lasciate dai viaggiatori che nel passato hanno percorso lo stesso tragitto e che ne hanno lasciato attraverso queste piramidi testimonianza del loro passaggio.

Il paradiso del birdwatching

Fuglefjell, ovvero “falesia degli uccelli” è una linea ideale che collega le più impervie scogliere, non una regione né una località.

Questa linea è quella lungo la quale nel periodo primaverile ed estivo stazionano moltissime colonie di uccelli marini.

Quasi tutta la costa ne fa parte ma certi tratti della terraferma e le isole sono particolarmente interessanti per coloro che amano l’osservazione degli uccelli.

Da Mo I Rana si raggiunge Lovund, isola popolata dalla pulcinella di mare.

Nella regione di Salten, più a nord, vi è invece un’alta densità di aquile di mare.

Proseguendo si costeggia l’Ofotfjorden, dove nuotano stormi di anatre marine del nord.

Seguendo l’Hardangerfjord

Capire un paese come la Norvegia significa essenzialmente capire la vita e la cultura del fiordo.

Per questo motivo sono nati in tutto il paese, ma soprattutto intorno all’Hardangerfjord, nella zona dei fiordi sud-occidentali, vicino a Bergen, degli interessanti musei etnico folkloristici che aiutano i visitatori a capire gli usi e i costumi di una popolazione profondamente legata alla natura e al commercio.

La visita ad uno di questi musei consente di ripercorrere la storia della Norvegia affrontando un viaggio a ritroso nel tempo.

Il regno dei fiordi

Norway in a nutshell, “tutta la Norvegia in un giorno”, è il nome dato a uno splendido percorso (Begen-Voss-Gudvangen-Flam-Myrdal-Bergen) che utilizza diversi mezzi di trasporto per dare l’idea dell’aspetto di tutto il paese visitando solo un’area ristretta della zona dei fiordi.

L’intero percorso costa sui 159 Euro ed include passaggi in treno, nave e bus attraverso luoghi altamente spettacolari.

Il tour, con inizio ed arrivo nella stessa città, può essere realizzato anche da Oslo via Voss o via Bergen.

La città di Bergen
La città di Bergen

Per maggiori informazioni consultate il sito: www.norwaynutshell.com

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here