La spiaggia di vetro - Foto di Anna Pozharskaya
La spiaggia di vetro - Foto di Anna Pozharskaya

La spiaggia di vetro di Ussuri Bay dimostra, se ancora ce ne fosse bisogno, quanto è incredibile la Natura e quanto, alle volte, essa è in grado di porre un rimedio al disprezzo che noi nutriamo nei suoi confronti.

Ussuri Bay è una spiaggia non distante dal porto di Vladivostok, in Russia, dove un tempo la gente era solita gettare ogni sorta di rifiuto ma, in particolare, bottiglie di birra e vodka, oltre a piatti ed altri pezzi di porcellana e ceramica.

Durante il periodo sovietico la gente gettava qui i propri rifiuti pensando che l’oceano sarebbe stato in grado di inghiottire tutto.

La Ussuri Bay - Foto di Anna Pozharskaya
La Ussuri Bay – Foto di Anna Pozharskaya

Il vetro gettato, tuttavia, è stato trasportato nuovamente a riva dalle correnti e la baia si ridusse ad una vera e propria discarica a cui le autorità finirono per vietare l’accesso, in quanto pericolosa.

Con gli anni, però, le correnti del Nord Pacifico hanno finito per smerigliare gli affilati cocci di bottiglia e ceramica finendo per formare una coloratissima spiaggia con milioni di piccoli ciottoli di vetro smussati.

Bagnanti tra i ciottoli smussati
Bagnanti tra i ciottoli smussati – Foto di Grunja

Fu così che quello che era iniziato come un disastro ambiatale si è trasformato in una ricchezza paesaggistica in grado di attirare turisti.

Ovviamente non è una cosa da replicare e, anzi, non si può che deprecare tanta inciviltà nel buttare a mare o nei fiumi un materiale come il vetro che è tra i più facilmente riciclabili.

Bagnanti tra i ciottoli di vetro
Particolare della spiaggia – Foto di Grunja

In ogni caso le autorità hanno revocato il divieto di accesso alla Ussari Bay e il luogo è anzi diventato una zona protetta chiamata “spiaggia di vetro”.

Oggi questa miriade di schegge di vetro smussate brilla tra la sabbia scura di origine vulcanica, in estate, ed in inverno brillano ancora di più emergendo tra la neve della spiaggia.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here